fbpx

Presentazioni: cosa evitare per non farsi odiare!

presentazione_02communication

Sicuramente a tutti noi è capitato di assistere a una presentazione noiosissima, nella speranza che un asteroide colpisse l’aula per salvarci da quello strazio!

Bene! Ora è il vostro turno. Il temibile momento in cui vi si chiede di fare una presentazione è arrivato. Gli asteroidi non vi hanno salvato allora e sicuramente non lo faranno nemmeno adesso.

Vediamo allora cosa evitare per non farsi odiare dal proprio pubblico e realizzare la vostra presentazione con successo.

Partire con una lunga introduzione incentrata su se stessi

I primissimi minuti di una presentazione sono i più importanti. Iniziate la vostra presentazione con una breve introduzione su chi siete e cercate di catturare l’attenzione del vostro pubblico con un’apertura coinvolgente e interessante. Evitate il più possibile di dilungarvi.

Tralasciare le emozioni

Non crederete di impressionare il vostro pubblico snocciocciolando innumerevoli dati e presentando una serie infinita di grafici… Ricordate che le persone ricordano le storie, le emoiozioni e come si sono sentiti. Piuttosto che perdervi in un tedioso elenco di numeri prevedete un approfondimento da consegnare a fine presentazione, così che chi fosse intessato abbia poi modo di consultarli.

Allo stesso modo evitate di inserire troppe informazioni. Purtroppo la nostra capacità di attenzione negli anni si è di gran lunga ridotta  – ne abbiamo parlato anche nel nostro blog. Le persone mediamente riescono a memorizzare al primo colpo solo 3 punti. Ancora una volta quindi, evitate lunghi elenchi!

Presentare i contenuti in modo disorganizzato

In primis è necessaria un’organizzazione mentale. Nello sviluppare la vostra presentazione, per prima cosa delineate per bene i contenuti. Dovrete fornire ai vostri ascoltatori un percorso da seguire, in modo da non perdere la loro attenzione. A questo servono le slide. devono essere una semplice traccia da seguire e arricchire durante la presentazione. se riportano tutto ciò che avete da dire e vi limiterete a leggerle l’attenzione della vostra audience sarà persa in un istante.

Utilizzare troppi effetti animati

Le animazioni creano enfasi e aiutano a catturare l’attenzione ma se utilizzate in modo esagerato possono portare all’effetto contrario.

Fuggire qualsiasi tipo di humor

Non importa quale sia l’argomento, non prendetevi troppo seriamente! Lo humor è un potente strumento per mantenere viva l’attenzione. Quindi ben vengano aneddoti divertenti e uno stile frizzante!

Essere apatici

Anche se l’argomento di cui dovrete trattare non vi appassiona particolarmente, cercate qualcosa che lo faccia. D’altra parte se tu non sei interessato all’argomento, perchè dovrebbe esserlo il tuo pubblico?! Quindi trovate il modo di appassionarvici, almeno quanto basta per trasmetterlo alla vostra platea. Non fingete, il vostro pubblico se ne accorgerà!

Non interagire

Ricordate che la comunicazioen è una strada a doppio senso. Coinvolgere il pubblico non è cosa particolarmente complessa, a volte può essere sufficiente un’occhiata o un semplice gesto. Tenete in mente che una platea coinvolta è una platea attenta.

Bene ora non ci resta che augurarvi buon lavoro! E mi raccomando, non siate troppo bravi nel seguire le nostre indicazioni, altrimenti rischierete di essere sempre coinvolti per questo tipo di lavoro! 😉

Posted on 29 Settembre 2016 in Comunicazione

Share the Story

Back to Top

Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più accedi alla pagina Cookie attraverso il pulsante Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi