Come scrivere e progettare le call to action

call to action 02 communication

Quando si crea una Call to Action (CTA), lo si fa con un obiettivo ben preciso: fare in modo che il nostro pubblico di riferimento compia un’azione che dimostri il suo reale interesse nei confronti dei nostri prodotti/servizi.
Le azioni che si possono suggerire attraverso le Call To Action sono moltissime:

• Iscriversi alla nostra newsletter
• Acquistare o aggiungere un prodotto al carrello
• Scaricare gratuitamente un file
• Richiedere ulteriori informazioni sui nostri prodotti o sui servizi offerti
• Iniziare un free trial

…e molte altre ancora.

La call to action rappresenta il punto di svolta tra la conversione del nostro spettatore e la sua perdita. È quindi fondamentale studiare e progettare ogni singolo aspetto sia della CTA che della pagina di destinazione.
Ovviamente non vi è una soluzione valida per tutto! Ogni pagina di destinazione ha un nuovo obiettivo e un nuovo pubblico e di conseguenza necessita di una nuova CTA.

Ma come si deve procedere per creare una CTA efficace?

Per prima cosa bisogna fare attenzione al testo del messaggio.
Anche se breve e conciso, dovrà descrivere ciò che la call to action offre. Facciamo un esempio: scrivere “scarica il nostro e-book gratuito” piuttosto che un semplice “clicca qui”potrebbe risultare decisivo nella fase di scelta del nostro utente. Per questo stesso motivo è utile scegliere di utilizzare verbi che indichino esplicitamente ciò che si otterrà cliccando sul pulsante come “Iscriviti”, “Scarica”, “Richiedi informazioni”.

A volte può essere utile inserire una sorta di carattere d’urgenza nella call to action come “Scarica ora la tua versione gratuita”. In questo modo si spinge l’utente a provare ciò che si offrie limitando il tempo di scelta.

Oltre al messaggio, anche la grafica e la posizione della CTA giocano un ruolo fondamentale. Vediamo qualche suggerimento.
Prima di tutto la posizione deve essere ben visibile. La regola di base prevede che la CTA venga posizionata nella prima metà della pagina in modo che l’utente non debba scorrere verso il basso per vederla.

Ove opportuno, si può scegliere di creare Call To Action utilizzando immagini e/o icone per rendere più chiaro ed efficace ciò che esse offrono. Se ad esempio il nostro pulsante invita a scaricare qualcosa, si può pensare di includere l’icona con la freccia verso il basso che, per convenzione, rappresenta il download.

Graficamente, bisogna ricordarsi di usare colori a contrasto e font di dimensioni abbastanza grandi e ben leggibili.
Ultimo consiglio indispensabile: ricordarsi di testare i bottoni per verificare che tutto funzioni alla perfezione perché un solo errore potrebbe costare la perdita definitiva dell’interesse da parte dell’utente.

Posted on 8 giugno 2017 in Comunicazione, Social Media

Share the Story

Back to Top